JB III, Micic e James. I top in Eurolega (ed Eurocup)

A fine stagione arrivano i nostri personali "premi" ai giocatori più rappresentativi di Eurolega e Eurocup. Da un girone all'altro, play off compresi. Se John Brown III di Kazan era stato l'indiscusso Mvp della prima parte di stagione, poi bloccato dalla guerra in Ucraina e dalla decisione di escludere le squadre russe dalle competizioni europee, ora sono emersi altri giocatori e altri si sono confermati. Una citazione particolare merita Kyle Hines, nominato miglior difensore di Eurolega. Vediamo gli altri a pochi giorni dalla Final Four. A Belgrado (19-21 maggio, qui tutte le info sul sito internet di Euroleague), l’Anadolu Efes Istanbul proverà a difendere il titolo e dovrà farlo a partire dalla semifinale contro l’Olympiacos. Dall’altra parte del tabellone, troviamo il “classico” Barça - Real.

 - Vasilije Micic. Dopo essere stato il grande protagonista dello scorso anno, il serbo ha confermato di essere un giocatore di altissimo livello. Nonostante, l’Efes non abbia dominato come ha fatto nelle ultime due stagioni, si è guadagnato nuovamente un pass per le F4 2022 dopo aver eliminato l’Olimpia Milano. Nella serie contro i biancorossi, Micic ha preso in spalla i propri compagni e li ha trascinati sulla strada che porta a Belgrado. Miglior realizzatore della manifestazione con 18.2 punti di media a partita e premiato con lil Trofeo Alphonso Ford. Insomma, i greci sono avvisati anche perchè a casa sua Micic non vorrà fare brutte figure…

 - Nikola Mirotic. Se si parla di campioni, Mirotic non può essere certamente escluso da questa lista. Il numero 33 dei catalani ha chiuso in seconda posizione con 16.6 punti di media. Dopo essere stato un vero e proprio punto di riferimento nella passata stagione, ha confermato di essere il faro di questa squadra, sia nel girone di andata che in quello di ritorno. Nei momenti di difficoltà ha cercato sempre di fare il suo e Belgrado nel duello contro il “suo” Real saprà farsi valere, perchè il Barça vuole tornare in finale e questa volta tornare a casa con la coppa. 

- Mike James: Sul talento del giocatore non ci sono mai stati dubbi, ma quello che ha sempre destato perplessità è sempre stato il lato caratteriale. Finalmente l’ex Pana, Milano e CSKA Mosca ha dimostrato di essere maturato sotto questo aspetto ed ha giovato non solo per lui, ma anche per la sua squadra. Il Monaco si è arreso a gara 5 in un Pireo caldissimo, dimostrando di non essere arrivato ai playoff per puro caso. Ripetersi il prossimo anno non sarà semplice, visto che già molte squadre hanno messo gli occhi sui i pezzi pregiati della squadra. Al momento quello che possiamo affermare che Mike James ha finalmente trovato un giusto equilibrio. 

leggi anche: L'Eurolega sbarca su Facebook. Partite visibili negli Usa

 Oltre ai top 3 di Eurolega, vogliamo fare lo stesso anche per quanto riguarda i migliori 3 dell’Eurocup.

 - Mamadouh Jaiteh: Tra le note dolci della Virtus Segafredo Bologna c’è sicuramente l’impatto avuto dal centro francese. L’ex Fiat Torino e Nanterre ha conquistato il titolo di MVP della manifestazione con 12.8 punti (71.1% da due) e 7.5 rimbalzi. Il pivot delle V nere è cresciuto mese dopo mese e lo ha fatto grazie al grande lavoro svolto da coach Sergio Scariolo. Ora per concludere in bellezza, bisogna vincere la finale di Eurocup  per mettere la ciliegina su quella torta chiamata Eurolega.

 - Errick McCollum - E’ lui il top scorer dell’Eurocup con 22.2 punti media a partita. Per colpa di cause che ben conosciamo il Lokomotiv Kuban Krasnodar è stato escluso dalla manifestazione, ma siamo certi che lui e la sua squadra non sarebbero stati clienti semplici da superare. Finché ha potuto giocare, ha dimostrato di essere pericoloso si al tiro da due (48.2%) che dalla lunga distanza (41.4%), con grande affidabilità dalla lunetta (88.1%). 

- Will Cummings: Tra i migliori c’è la guardia del Boulogne Metrpolitans 92. Il classe 1992 è stato l’ancora alla quale aggrapparsi nei momenti decisivi. Nelle due sfide giocate contro la Dolomiti Energia Trento, ha messo a segno ben 38 punti totali. 17.8 punti di media nell'intera competizione con buonissime percentuali al tiro (53.9 % da 2 e 41% da 3). Sarebbe interessante vederlo in una squadra che punta nelle posizioni alto per far si che possa fare finalmente in salto di qualità che merita. 

 leggi anche: La Virtus vuole alzare l'Eurocup. In diecimila contro il Bursaspor

Lorenzo Lubrano

ph: Michele Longo/SM

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.