Scommesse, l'1% sia destinato allo sport professionistico

scommesse-sportTorna di attualità il tema delle scommesse sportive dopo che sia Gabriele Gravina, presidente di Federcalcio, che Umberto Gandini, presidente di Lega Basket, avevano sostenuto che “le scommesse pesano tantissimo sul sistema paese e nello sport potrebbero portare nuovi benefici economici”. “La cosa che ci accomuna è il discorso che sta portando avanti la Federcalcio su un fondo generato dal mercato delle scommesse sportive. La richiesta congiunta è quella di istituire un 1% a favore dello sport professionistico. Riteniamo che una piccola parte di questi fondi che ci auguriamo verranno restituiti andranno a chi è oggetto di scommessa", ha detto Gandini.

Per questo motivo, Valentina Vezzali, sottosegretaria alla presidenza del Consiglio con delega allo sport, ha riunito un tavolo tecnico istituzionale per individuare gli strumenti a livello economico idonei a sostenere il comparto sport. Presenti al tavolo i rappresentati di MEF, MISE, ministero del Lavoro; la VI Commissione del Senato e la VI Commissione della Camera; INPS; Agenzia delle Dogane e Monopoli e Agenzia delle Entrate. Si è discusso, tra l’altro, di ristrutturazione del debito, agevolazioni fiscali su interventi di recupero ed efficientamento delle strutture sportive; agevolazioni fiscali per investimenti pubblicitari in ambito sportivo e di un prelievo di una percentuale sulle somme raccolte dall'attività di betting.

Le società sportive intanto premono. Il “decreto dignità” ha allontanato sponsor, ma non ha avuto alcun effetto di riduzione in termini numerici. Nel 2021 le scommesse sportive sulla rete fisica ha avuto un calo del 30,7% (da 2,6 a 1,8 miliardi), mentre l'online un +56,6%, da 8,3 a 13 miliardi di euro. Nel 2017, l'anno precedente all'entrata in vigore del decreto dignità, le scommesse nel mondo sportivo ammontavano a 790 milioni di euro. Nel 2020 la cifra è aumentata a 997,7 milioni (qui i dati AgiMeg) per un valore complessivo pari a 1,578 miliardi di euro contro gli 1,371 miliardi di euro del 2017 (qui le cifre di IGB). 

Per quanto riguarda la pallacanestro, all'estero quello delle sponsorizzazioni sportive di siti di scommesse è una realtà ormai più che diffusa. Su tutti la Lituania è certamente protagonista in tal senso, con la presenza di club con diversi name sponsor legati a questo mondo. Lo stesso campionato LKL porta il nome di BETsafe. Ma in tutta Europa gli esempi sono diversi. Anche in Francia il campionato si chiama BETclick Elite a partire dalla stagione 2021/22. In Italia l'ultima ad aver avuto un main sponsor legato al mondo delle scommesse sportive è stata Capo d'Orlando, che ha avuto per anni il nome di Betaland al fianco.

leggi anche: Sport, industria globale +36 per cento nel 2025

IL VALORE LEGALE E ILLEGALE DELLE SCOMMESSE - Il mercato globale delle scommesse legali su corse di cavalli e sport nel 2020 è stato stimato in un valore di 40 miliardi di dollari. Il più grande mercato globale è stato l'Asia, dove sono state effettuate scommesse per un valore di 19,6 miliardi di dollari, seguita dall'Europa con 15,2 miliardi di dollari, il Nord America con 2,3 miliardi di dollari, l'Oceania con 1,7 miliardi di dollari, l'Africa con 751 milioni di dollari e l'America Latina con 335,9 milioni di dollari. Le stime invece sulla portata delle scommesse illegali variano, con alcuni che parlano che fino a 140 miliardi di dollari vengano riciclati attraverso le scommesse sportive ogni anno e che l'importo scommesso sui mercati delle scommesse illegali è compreso tra 340 miliardi di dollari e 1,7 trilioni.

Nel 2021, il servizio di monitoraggio delle scommesse di Sportradar, l'Universal Fraud Detection System (UFDS), ha rilevato attività sospette in 903 partite l'anno scorso, in 10 sport e in 76 Paesi in tutto il mondo. Si tratta del numero più alto di partite sospette registrato nei 17 anni di storia di Sportradar Integrity Services - la multinazionale specializzata nella raccolta e nell'analisi di dati sportivi - con un aumento del 2,4% rispetto al precedente massimo di 882 partite sospette registrato nel 2019, secondo i dati del rapporto "Corruzione delle scommesse e match-fixing nel 2021" e analizzato da agipronews. L'aumento delle attività sospette va di pari passo alla crescita del fatturato globale delle scommesse sportive, che Sportradar stima ora oltre quota 1450 miliardi di euro all'anno. La Champions League è la manifestazione più giocata (198 milioni di euro di media a partita) davanti alla Premier (178 milioni). Su ogni match della Serie A si sono giocati in media 100 milioni di euro.

Secondo il rapporto, si stima che i 903 eventi a rischio manipolazione - 694 dei quali sono partite di calcio - abbiano prodotto circa 165 milioni di euro di profitti per il crimine. Il calcio ha la più alta frequenza di partite sospette, con un tasso di una ogni 201 partite, seguito dagli Esport, con una su 384, e dal basket, con una su 498. La domenica è il giorno della settimana in cui si verificano più frequentemente partite sospette, con il 22,5% dei casi, seguita dal mercoledì col 16,8% e dal sabato col 15,6%, a testimonianza del gran numero di partite di calcio giocate in questi giorni della settimana. Il continente con il maggior numero di eventi manipolati è stato l'Europa (525) davanti all' Asia (161)

leggi qui il monitoraggio di Sportradar per il 2021

Marino Petrelli

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.