banner sito COL 950x350

x

Pesaro ancora in A. Con Repesa, il cuore e la ragione

Amadori-Costa-Rombaldoni-Villa-Cattani-Stuart-7Per la Victoria Libertas Pesaro sarà ancora serie A. Ad annunciarlo è stato direttamente il presidente della società pesarese Ario Costa durante una conferenza stampa, insieme al presidente del Consorzio "Pesaro Basket" Luciano Amadori e all’amministratore delegato della VL Andrea Rombaldoni. “Il futuro della VL è e sarà garantito. Siamo tra le 18 squadre che parteciperanno al massimo campionato di Serie A il prossimo anno”. Esordisce con queste parole il massimo esponente della società marchigiana permettendo a tutti i presenti e ai tantissimi tifosi che seguivano la conferenza in streaming di tirare un grande sospiro di sollievo. 

Confermata la massima serie, la dirigenza è passata subito a sondare il mercato per il nuovo allenatore. Tanti i nomi, a lungo corteggiato Maurizio Buscaglia che sembrava ormai certo, allla fine è stato scelto Jasmin Repesa, esperto e navigato allenatore croato, già vincitore dello scudetto con Fortitudo Bologna e Olimpia Milano. Per il 59enne, accostato nelle scorse settimane a Trieste, Sassari e Fortitudo Bologna, è pronto uin contratto triennale.

(quil video dell'annuncio).

QUALE BUDGET PER IL FUTURO ? - Soltanto una settimana fa il futuro era incerto e la scelta propendeva di più sulla A2. E sarebbe stata proprio questa la scelta se si fosse agito seguendo la ragione ma l’amore verso la causa cestistica pesarese ha prevalso e la si può definire una vera e propria scelta di cuore. “Finché avrò questo incarico, darò tutto me stesso - dichiara Luciano Amadori -. Io sono qui finché qualcuno non si presenterà per rilevare la società".

La musica non cambia neanche per quanto riguarda la questione budget. Rombaldoni cerca di riportare tutti un po’ con i piedi per terra: anche quest’anno, infatti, il valore assoluto del budget della Vuelle è tra i più bassi dell’intero campionato e si aggirerà intorno alle cifre dello scorso anno. La famiglia Beretta si era accordato un anno fa per 250 mila euro netti, con qualche aggiunta inn corso d'opera, e si dovrebbe ripartire su queste cifre. Si è finito il campionato con circa 2 milioni e 600 mila euro, si ripartirà con circa 2 milioni e 200 e poi si vedrà. L’incognita del pubblico resta, non ci sono ancora certezza su possibile presenza al palas, biglietti e abbonamenti, in attesa di nuove direttive da parte del Governo per l’accesso e il riempimento dei palasport. Argomento questo che preoccupa tutte le società sportive visto che quella del botteghino rappresenta una grossa fetta degli introiti di ogni club. In ultima analisi la permanenza quasi sicura dello sponsor Prosciutto di Carpegna col quale non vi è ancora nulla di ufficiale ma la trattativa è avviata e tra tutti vi è grande ottimismo.

Un finale di stagione a sorpresa quindi per il club pesarese che aveva dato prova di non essere all’altezza del campionato italiano sebbene l’arrivo del nuovo sponsor, annunciato la scorsa estate, aveva dato a tutti la speranza che qualcosa sarebbe cambiata. Anche se la matematica non dava ancora per certa la sua retrocessione, il rendimento della squadra allenata da Perego prima e da coach Sacco poi aveva deluso davvero tutti, società e tifosi in primis.

Come spesso, troppo spesso è successo negli ultimi anni anche questa volta si è optato per un cambio di panchina in corso d’opera dopo aver puntato tutto su un allenatore giovane e inesperto, dando prova di una totale mancanza di organizzazione. Si è detto che quella della permanenza in Serie A è stata una scelta di cuore. Ma allora a quale prezzo? Ci saranno le risorse necessarie e un progetto questa volta strutturato per andare avanti? L’arrivo di Livio Proli, figura di spicco nel panorama cestistico italiano, in veste di consulente potrebbe dare maggiore solidità alla dirigenza biancorossa. In conferenza il presidente Costa ha dichiarato infatti che la collaborazione è nata grazie a un rapporto di simpatia e ammirazione e che Proli ha già in mente un progetto ambizioso per il futuro della gloriosa società marchigiana. 

I tifosi pesaresi nutrono ormai da otto anni a questa parte la sperranza di una rinascita, da quando cioè l’ultima squadra, targata Scavolini e con Franco Del Moro presidente, raggiunse le semifinali play off con giocatori del calibro di Daniel Hackett e Ricky Hickman. I sogni son desideri... 

leggi anche: Le leghe sportive: Subito il bonus sponsorizzazioni

Chiara Masiello

ph: credits www.centropagina.it

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.