Play off Eurolega, Milano chiede strada all'Efes

Unknown

Per il secondo anno consecutivo, l’Olimpia Milano è tra le migliori otto squadre d’Europa e si è guadagnata con merito la possibilità di disputare i playoff di Eurolega ed inoltre ha anche il vantaggio del fattore campo a proprio favore. Nella passata stagione sulla strada verso Colonia c’era il Bayern Monaco di Andrea Trinchieri, mentre per andare a fine maggio (19-21) a Belgrado per disputare le F4 gli uomini di coach Ettore Messina dovranno superare l’ostacolo chiamato Anadolu Efes Istanbul, campione in carica. Le prime due partite si giocheranno martedì 19 e giovedì 21 al Mediolanum Forum. Gara 3 in Turchia il 26 aprile, eventuale gara 4 il 28.

L’A|X Armani Exchange Milano ha chiuso la stagione regolare al terzo posto con 19 vittorie e 9 sconfitte. I biancorossi hanno cominciato l’annata 2021-2022 molto bene conquistando ben otto vittorie nelle prime nove partite. Dopodiché sono arrivate quattro sconfitte consecutive (UNICS Kazan, Zenit San Pietroburgo, Olympiacos ed Alba Berlino). I milanesi hanno risposto con un bel 14-5, dimostrando di essere una squadra molto solida soprattutto in difesa. Le vittorie sarebbero in realtà 21 ma sono state cancellate quelle contro il Cska Mosca, escluso dal torneo, insieme alle altre squadre russe per le tristemente note vicende della guerra in Ucraina. 

L’Anadolu Efes Pilsen ha concluso l’annata in sesta posizione con 16 successi e 12 sconfitte. I campioni d’Europa non sono partiti proprio con il piede giusto ed hanno subito quattro k.o in fila (Real Madrid, CSKA Mosca, Asvel ed Olimpia Milano). Il filo conduttore di tutta la stagione dei turchi è stato quello di non riuscire mai a trovare quella continuità e compattezza vista negli ultimi 3 anni. I problemi più evidenti sono stati due: una difesa davvero deludente ed il suo Larkin-Micic. Fin a questo momento quando uno ha giocato bene l’altro non ha fatto altrettanto, cosa che nelle passate stagioni era stato uno dei punti di forza dei turchi. Anche all'Efes è stata tolta la vittoria onnetura contro il Cska e quella contro Kazan.

Leggi le previews dei quarti di finale sul sito di Eurolega

I precedenti di questa stagione

L’Olimpia Milano ha il 2-0 sulla compagine turca. Alla quarta giornata d’andata i milanesi vinsero al Medionalum Forum con il punteggio di 75-71. In casa Milano ci furono 16 punti di Malcolm Delaney, 13 di Devon Hall, 12 di Shavon Shields e 11 di Luigi Datome. Ai turchi non bastarono i 17 di Micic.

Nella gara di ritorno, la compagine meneghina espugnò Istanbul 77-83 grazie ad un superlativo terzo quarto vinto 10-26. Dopo un primo tempo di grande sofferenza con l’Olimpia Milano sotto sul 51-36 al 20’, nel secondo tempo è arrivata la reazione d’orgoglio dei milanesi. Tra le fila dell’Efes, Micic giocò un’altra straordinaria partita chiudendo con 27 punti, mentre per l’Olimpia Milano ci furono ben 5 giocatori in doppia cifra (Datome, Hall, Shields, Rodriguez e Melli).

Ora però bisogna azzerare tutto questo perché le gare dei playoff sono completamente diverse e quindi ciò che è accaduto in stagione regolare va subito dimenticato.

I punti di forza di Milano

Ettore Messina ha propria disposizione un roster molto competitivo e con diversi giocatori che sanno come si giocano questo tipo di gare, dove il limite d’errore è davvero basso. Tra i punti di forza di questa squadra troviamo sicuramente l’esperienza di Hines, Sergio Rodriguez e Melli che sanno perfettamente come si vince un’Eurolega. Oltre a loro, Milano può contare sul talento di Shavon Shields e sulla duttilità di Devon Hall. I due esterni milanesi dovranno occuparsi della coppia Micic-Larkin, limitando le loro giocate da campioni.

Un altro giocatore che ha tutte le carte in regola per mettere in difficoltà la difesa turca è Malcolm Delaney. Infine, però va detto che almeno per le prime due partite l’assenza di Gigi Datome peserà come un macigno. Probabilmente l’ex giocatore del Fenerbahce potrebbe rientrare per gara 3, ma non è detto.

I punti di forza dell’Efes

I due pericoli principali sono indubbiamente Vasilije Micic e Shane Larkin perchè nonostante non abbiano disputato una stagione come quelle precedenti sono giocatori che possono accendersi da un momento all’altro e possono esaltarsi in gare come quelle dei playoff dove i campioni si fanno sempre trovare pronti. Oltre a loro, da non sottovalutare l’ex Kruno Simon che può essere molto pericoloso dalla lunga distanza. Infine, c’è da sottolineare anche la fisicità di Bryant Dunston che sotto le plance può mettere in difficoltà la difesa milanese ed in modo particolare Kaleb Tarczewski che dovrà stare attento ai falli, ma soprattutto provare a ripetere quelle straordinaria prova messa in mostra proprio in Turchia.

 leggi anche: JB III e gli altri. Le rivelazioni di Eurolega e Eurocup

Lorenzo Lubrano 

credits: ph: Euroleague.net 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.