banner sito COL 950x350

x

Italdonne, il dopo Crespi si chiama Pierre Vincent

Sarà Pierre Vincent, 55 anni, due titoli italiani in due stagioni con la Famila Schio, il successore di Marco Crespi sulla panchina della Nazionale italiana femminile. La scelta del tecnico, come anticipato da La Gazzetta dello Sport, sarà comunicata dal presidente federale Petrucci al Consiglio che si terrà a settembre. Una voce che circolava da qualche giorno. 

Vincent parla quattro lingue (francese, inglese, spagnolo e italiano) e sarà il primo allenatore straniero sulla panchina della nazionale femminile che necessita di un profondo cambiamento dopo il biennio poco fortunato di Crespi. Pluridecorato dove ha allenato nella già lunga carriera, vanta nel suo palmares anche la guida della Nazionale francese femminile, con l'argento olimpico a Londra 2012 dietro gli Stati Uniti.

LA PARABOLA DISCENDENTE DI CRESPI - Dopo un Europeo ben al di sotto di tutte le aspettative, la Federazione altro non ha potuto fare che anticipare l'uscita di coach Crespi dalla guida della nazionale femminile senior. La frase del presidente Petrucci che ha commentato l’europeo con un eloquente “non si può perdere in quel modo contro l’Ungheria” era il viatico per il ben servito al coach varesino.

Proprio quella sconfitta ha segnato indelebilmente il cammino delle azzurre nell’ultimo europeo, le ha rilegate al barrage contro la Russia e sappiamo tutti il risultato finale. Mai come in questa occasione una vittoria avrebbe aperto la strada alle azzurre verso le Olimpiadi di Tokyo 2020 (manifestazione che non raggiungiamo da Barcellona 1992). La sconfitta contro l’Ungheria non è ancora digeribile alla luce del diverso tasso tecnico tra le due squadre e paga l’allenatore. Chiamato al posto di Andrea Capobianco dopo l’esaltante Europeo in Romania, cambio che ancora oggi per molti grida vendetta. Coach Crespi non è riuscito a far crescere una nazionale che aveva bisogno più di un gestore di risorse umane che non di un personaggio/condottiero. Ci proverà Vincent, cercando di far tornare la nazionale come il suo cognome. Vincente

leggi anche: U18, sorelle d'Europa. Una spinta per il professionismo

La redazione

photo credits: basketsession.com

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.