Marziali, tre anni fa su SM. Ora arbitra in Eurocup

Tre anni fa era ancora piuttosto sconosciuta, anche se la sua brillante carriera era già in rampa di lancio. Fummo tra i primi ad intervistare Silvia Marziali, che il 16 ottobre ha discusso la sua tesi di laurea in medicina con un argomento sulla cardiologia dello sport. Ma che soprattutto tre giorni dopo è stata il primo arbitro donna a diventare internazionale, a Girona per la gara di Euro Cup femminile tra Spar Citylift e Basket Landes. La risentiremo a breve, magari cercheremo di portarla a Brindisi per uno shooting fotografico, intanto riproponiamo l'intervista del nostro Giuseppe Errico.

 - È uno dei mondi più inesplorati del nostro amaro sport, sono protagonisti come giocatori e coach delle straordinarie partite di basket. Spesso non amati dai tifosi di ogni squadra, contestati a prescindere e spesso a torto. Stiamo parlando dei "depositari della legge" del basket, gli arbitri. In questo mondo ci facciamo accompagnare da una donna, Silvia Marziali, di professione arbitro. La coda bionda più nota e vistosa del basket femminile e a detta di molti addetti ai lavori tra le migliori in Italia.

 - Guardando una partita di basket, con giocatori ed allenatori che protestano contro le tue decisioni, il pubblico che ti riempie di attenzioni non proprio amichevoli e tutti gli addetti ai lavori pronti a giudicare il tuo operato viene da chiedersi: Ma come ti è venuto in mente di fare l’arbitro di basket?

"Fino ai 19 anni passavo gran parte del pomeriggio ad allenarmi e spesso capitava che la nostra allenatrice ci chiedesse di "arbitrare" il minibasket. A fine anno una mia amica ed io scoprimmo che facendo il corso da arbitri potevamo arbitrare tutti quei tornei ai quali avevamo partecipato come giocatrici e prendere qualche soldo, così ci siamo iscritte".

 - Raccontaci del tuo esordio e dei tuoi primi anni con il fischietto in bocca… "Il mio esordio è stato ad un mese dal corso al torneo MiniStar a Roseto, divertentissimo! Ho preso per la prima volta contatto con il mondo arbitrale, vissuto il torneo con un altro ruolo, conosciuto altri arbitri, seguito le prime lezioni e consigli degli istruttori, arbitrato le prime partite, formato il primo gruppo arbitri.. Davvero bello e inaspettato! Dal settembre successivo ho poi iniziato ad arbitrare qualche giovanile e promozione, cercando di incastrarle con le partite da giocatrice".

A/femm, Protani a SM: "12 squadre dal prossimo anno"

opening donne"Questo è anche il week end che dà il via al massimo campionato di basket femmine con il XVI Opening Day che si tiene nella bellissima città di Ragusa. Nella città iblea si affronteranno in due giorni tutte le squadre partecipanti al campionato di A1 in una due giorni ricca di eventi dentro e fuori dal rettangolo di gioco. L’ottantasettesimo campionato vedrà al via solo dieci squadre per le vicissitudini che hanno colpito Umbertide e la Progresso Bologna una situazione particolare che potrebbe rivelarsi con una programmazione seria e mirata un punto di svolta per l’intero movimento che soffre più di altri la crisi economica.

“Ci sono altre nazioni che sono potenze economiche che hanno campionati a dieci o undici squadre, questo non ci deve far paura perché c’è un Consiglio federale che sta dimostrando tutto il suo interesse verso il nostro movimento e dove i nostri tre consiglieri che vengono dal femminile stanno lavorando seriamente – sono le parole che il Presidente di Lega Massimo Protani rilascia a Supporter's Magazine - Noi come LegA stiamo attuando un progetto di basket femminile ma ci vuole tempo, puntiamo ad avere il prossimo anno 12 squadre e tra due anni 14 squadre in A1. Abbiamo l’appoggio del presidente Petrucci e del vice Laguardia che stanno dimostrando grande sensibilità verso il femminile. Lo ripeto, non c’è da spaventarsi avremo un campionato di qualità piuttosto che di quantità".

Sacchetti nuovo ct azzurro. Gli aneddoti più curiosi


Enel Brindisi presentazione coach Meo Sacchetti259Meo Sacchetti sarà ufficialmente il nuovo allenatore della nazionale dopo gli Europei. Sarà presentato il 5 agosto a Cagliari. Una scela rapidissima, legata all'impossibilità di Ettore Messina di continuare con un incarico part time, essendo già impegnato con i San Antonio Spurs. Da Brindisi alla Nazionale, passando per Cremona. Una stagione non certo memorabile quella vissuta in riva all'adriatico, con la sola Final Eight di Coppa Italia raggiunta e giocata alla pari contro milano nei quarti di finale. Ciò nonostante, una figura di ottimo livello per la nazionale che dopo Euro 2017 assumerà una nuova fisionomia.

Quando Sacchetti fu annunciato come nuovo allenatore dell'Enel Basket Brindisi ho subito pensato di chiedere una presentazione a qualcuno che lo conosce bene. Roberto Sanna e Andrea Sini, inviati da anni al seguito della Dinamo Sassari per il quotidiano "La Nuova Sardegna" (così come l'amico Nando Mura dell'Unione Sarda che all'indomani della chiusura del rapporto con Sassari aveva scritto che "Meo non meritava un trattamento del genere e che forse lui e Sardara avrebbero dovuto separarsi prima per il bene di tutti") mi avevano avvertito: Meo non è uguale a tutti gli altri, è un fuoriclasse. Se riuscite a prenderlo bene, lui vi ripagherà con il cuore e con una simpatia infinita. Il primo impatto, il giorno della presentazione al Pala Pentassuglia, sembrò confermarlo. "Era stato detto che la presentazione era per la stampa, qui siete tanti, tutti giornalisti?", aveva esordito. E subito risate e applausi (anche se la frase dovrebbe far riflettere) 

"Ho impiegato un po’ di tempo, diciamo un’intera stagione, per capire che Meo Sacchetti è differente. Anche se mi ero reso conto ben presto, in quell’estate del 2009, che non avevo a che fare con il solito coach col quale avrei condiviso partite, allenamenti, trasferte - spiega subito Roberto Sanna a Supporter's Magazine - Poco propenso a dilungarsi oltre lo stretto necessario nell’analisi degli avversari, nei piani tattici, nel notiziario degli infortuni. Molto felice, invece, di poter scambiare esperienze di vita, discutere di vino e cibo, anche parlare di altri sport"

"La notte della promozione, nel giugno del 2010, quando sono entrato nel ristorante di Tony, praticamente la sua seconda casa, col giornale della vittoria in mano per consegnarglielo, lui non ha detto niente. E’ rimasto defilato dal cuore della festa a fumare il sigaro, a un certo punto, saranno state le due, è scivolato via in silenzio col giornale arrotolato in mano - ricorda Sanna - . Il giorno dopo ha stracciato l’accordo ormai fatto con Varese, praticamente il coronamento di quella che era stata fin lì la sua carriera di allenatore, ha scelto ancora Sassari. Quel giorno ha cambiato il suo destino e quello della Dinamo, forse non era pienamente cosciente ma aveva fiutato l’onda giusta, come fa durante le partite quando prende le decisioni senza un’apparente logica e alla fine ha quasi sempre ragione".

Meo è differente e per questo il giorno dell’esonero l’ho chiamato e gli ho detto soltanto: “Non penserai di liberarti di me?”.

Esclusiva SM, Buffa racconta la bellezza dello sport

buffa 4Avevo incontrato Federico Buffa qualche tempo fa a Roma ad un evento di una casa farmaceutica. Lui padrone di casa, anche in quel contesto, con uno dei suoi meravigliosi racconti, il coraggio di Abidal che dopo il trapianto fegato torna a giocare nel Barcellona. Inevitabile l'incontro a fine serata, da appassionato di basket fino al midollo e con "qualche" radiocronaca alle spalle nel mio più che ventennale viaggio al seguito della squadra della nostra città. E allora, superato un leggero timore reverenziale, ecco che mi avvicino con una copia di Supporter's Magazine e subito il discorso scivola sul basket. Con una promessa: un'intervista tutta per noi. Il risultato è in questo articolo. Una delle più belle interviste realizzate e pubblicate, da leggere tutta di un fiato senza perdere nemmeno una parola.

- Raccontaci come nasce la tua infinita passione per il basket. La visita a Ucla è stata una scintilla per scoprire questo mondo?

"In realtà già molto prima. La passione è nata dopo aver visto giocare Chuck Jura nell'autunno del 1972 al Palalido di Milano contro Cantù. Una folgorazione"

- Sei laureato in giurisprudenza. La laurea l'hai messa nel cassetto oppure ti è stata utile nella tua carriera? Oggi la laurea resta importante nella formazione personale di ogni persona?

"Ho fatto l'avvocato dopo aver superato l'esame, ma sinceramente non era la mia tazza di tè .
Studiare mì è piaciuto. Diritto penale, diritto angloamericano sono stati esami importanti per me. Col mio prof di angloamericano ho redatto un contratto che ho utilizzato per anni. C'è laurea e laurea, il titolo ha ancora fascino nel nostro paese, anche se a un quindicenne di oggi forse andrebbe consigliato d'imparare il cinese mandarino... "

- La tua prima esperienza da giornalista: entri nella redazione di Superbasket e consegni ad Aldo Giordani un tuo articolo. Un successo immediato. Ti sei mai chiesto come sarebbe cambiata la tua vita se il tuo scritto non fosse piaciuto e pubblicato? C'è ancora spazio per questo tipo di approccio o un bravo giornalista rischia di non emergere mai?

"Tante volte, del resto, non mi staresti facendo queste domande e chissà dove sarei ora. Ci deve essere spazio per il buon giornalismo, quello d'inchiesta per esempio. C'è poco spazio per i giovani giornalisti. Ci vuole fortuna. Oggi, più che mai. Resto dell'idea che però l'originalità paghi"

Venezia campione, ecco il film della finale scudetto

reyer campioneUna finale inedita quella tra Venezia e Trento. Due filosofie diverse di gioco. Tradizione contro novità e sfrontatezza. Una serie che subito ha fatto intuire che sarebbe stata lunga e sfiancante per entrambe le squadre, ognuna con i propri pregi e difetti, e in arrivo da due situazioni sportive e climatiche molto diverse fra loro. La Reyer arriva in finale dopo aver sconfitto prima Pistoia con un 3 a 1 nella serie e poi, all’ultimo respiro, Avellino in gara 6. La Dolomiti Energia ha invece sorpreso tutti fin dal principio liquidando Sassari con un netto 3 a 0, e poi eliminando la favorita al titolo, quell’EA7 Milano che quest’anno possiamo considerare la vera e propria delusione della stagione, con un 4 a 1 fuori da ogni aspettativa. Vince la Reyer, espugnando il Pala Trento in gara sei (dopo averlo fatto anche in gara tre), tornando al titolo dopo 74 anni.

La sconfitta in finale non potrà mai cancellare quanto di buono fatto durante tutta l’annata dall'Aquila, tenendo sempre conto che coach Buscaglia non ha mai potuto far conto su tutto il roster a disposizione. Se si chiedesse ai tifosi l’intera squadra sarebbe da confermare, ma sicuramente la conferma di tutto il blocco di italiani e se possibile di qualche americano, sarebbero una base solidissima sulla quale puntare durante il prossimo anno che vedrà i trentini tornare in Eurocup dopo un anno di assenza.

In laguna è tempo di festeggiare invece un storico risultato consapevoli della propria forza e dell’impresa appena compiuta. Grande merito ad un coach che ha saputo valorizzare a pieno ogni singolo della propria squadra arrivando a fine stagione con gambe e testa ancora molto attive. Anche in questo caso la riconferma di alcuni giocatori sarebbe una grandissima base su cui lavorare, ci sarà tempo per pensarci, perchè adesso Venezia, è molto poco triste.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.