Cremona, cinque nuove aziende nel Consorzio

Scritto da Redazione on . Postato in Blog

cremonatifosi

Dario Maestroni, uno dei fondatori del “Consorzio” che ha salvato la Vanoli Cremona lo scorso luglio e ha permesso di iscriversi in extremis alla Serie A, ha dichiarato a La Provincia di Cremona di aver acquistato il 40 per cento delle quote societarie. Il resto delle quote appartengono ad Aldo Vanoli per il 55 per cento e a Davide Borsatti per il restante 5 per cento. “Stiamo lavorando per un futuro più solido. Da oggi si apre la prima finestra per gli ingressi di nuove aziende nel Consorzio e sono cinque ad aver sottoscritto l’accordo - ha aggiunto Maestroni - A giugno ci sarà la seconda finestra e altre cinque aziende sono sicure di entrare a far parte della famiglia”.

COSA ERA SUCCESSO A LUGLIO 2020 - I tifosi della Vanoli Cremona ci avevano provato creando il gruppo Facebook "Salviamo la Vanoli Basket", richiamato mille iscritti e lanciato una raccolta fondi. L'iniziativa partita da Pier Ragazzini e Nicolò Sterzati (nella foto), pur coinvolgendo tantissimi appassionati, non ha raggiunto gli obiettivi sperati.

Poi era arrivato il comunicato stampa della società: niente soldi, niente serie A. Di seguito, la lettera a cuore aperto di Ruth Vanoli, figlia del patron Aldo, destinata al settore giovanile della squadra bianco celeste. "Il peso più grande che sento dentro, non è malinconia per i ricordi, bellissimi ed adrenalinici anche, o forse, soprattutto nelle difficoltà, nelle incomprensioni e in tutti quegli ostacoli che su più fronti abbiamo cercato di superare, spesso con successo, con fantasia, mai senza fatica e orgoglio e che questa volta sembrano davvero chiuderci in una morsa. Il peso più grande che sento dentro, oggi, è il futuro mancato", questo è l'inizio della lettera (leggi qui la lettera inviata a www.cremonasport.it ). 

Il 27 luglio il lieto fine: la famiglia Corazzi (l'azienda è stata celebrata dalla squadra con una maglia speciale in occasione della partita persa contro Milano, ndr) decide di sostenere la Vanoli Cremona. La squadra può iscriversi in Serie A. "Per sostenere i valori che nostro padre ha voluto costituissimo una Fondazione che porta il suo nome e non abbiamo alcun dubbio che la nostra scelta sarebbe stata anche la sua scelta Nostro padre non avrebbe esitato a sostenere il “mondo Vanoli” dal basket di serie A alle giovanili al Baskin - avevano dichiarato i fratelli Corazzi -. Rappresentano Cremona città che nostro padre ha sempre avuto nel cuore e per la quale è stato esempio concreto di mecenatismo”.

RED

ph: credits La Provincia di Cremona

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.