Trento rinnova l'impegno per i richiedenti asilo

Scritto da Redazione on . Postato in Blog

Lo scorso anno la Dolomiti Energia Trentino aveva aderito a One Team, il progetto di responsabilità sociale promosso da Euroleague Basketball per stimolare iniziative che utilizzino le potenzialità del basket come mezzo per creare relazione e integrazione tra persone che hanno storie, esperienze e abilità diverse. Così nella stagione 2015/16, insieme ad ATAS e a Centro Astalli, coordinati dal Cinformi della Provincia Autonoma di Trento, la società bianconera aveva organizzato una squadra di basket per richiedenti asilo che si è allenata per sei mesi sotto la guida di un coach della Dolomiti Energia Trentino.

Il capitano Toto Forray era stato più volte a seguire gli allenamenti dei quasi 30 richiedenti asilo provenienti dall'Africa o dall'Asia che nell'appuntamento settimanale del giovedì avevano trovato l'occasione di divertirsi, parlare in italiano con i volontari e gli allenatori, conoscersi e crescere insieme come gruppo e come squadra.

“Volevamo dare uno spazio a ragazzi che già giocavano a pallacanestro, così da permettere loro di fare in Italia quello che facevano prima. In realtà, non c’era nessuno che avesse maturato esperienze di basket, ma la risposta è stata ugualmente sorprendente”, aveva dichiarato Salvatore Trainotti, direttore sportivo dell'Aquila.

Dopo la positiva esperienza della passata stagione, la società bianconera ha deciso di riproporre la stessa iniziativa collaborando sia con ATAS e Centro Astalli, che con l'Università di Trento. Infatti da quest'anno il progetto, che ha ricevuto anche l'apprezzamento e il finanziamento da parte dell'UE, sarà monitorato e valutato dall'Università di Trento per cercare di capire quale impatto può avere sui richiedenti asilo un'esperienza di integrazione che passa attraverso lo sport. Per questo i ragazzi non andranno solo in palestra ma saranno anche monitorati all'inizio e alla fine del percorso attraverso colloqui in cui verranno rilevati i potenziali miglioramenti della condizione fisica, del benessere psichico, della conoscenza della lingua e del contesto territoriale in cui vivono.

Dai primi di gennaio, un gruppo di 25 ragazzi provenienti da Senegal, Mali, Gambia, Ghana, Nigeria, Guinea, Costa d'Avorio e Afghanistan si sta allenando due volte in settimana sotto la guida dei coach Moussa Dia e Nicolò Gilmozzi, sudando in palestra per migliorare i fondamentali del gioco del basket. Talvolta è lo stesso viceallenatore della prima squadra bianconera Vincenzo Cavazzana a guidare gli allenamenti, portando sul parquet di gioco tutta la sua esperienza. Gli allenamenti sono condotti tutti in lingua italiana e in questi due mesi i ragazzi hanno fatto importanti passi in avanti e prossimamente affronteranno le prime gare amichevoli. 

Uffico stampa Dolomiti Energia

 

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione.